La Prima Sezione, del Tribunale Amministrativo Regionale della Campania, ha respinto con ordinanza, la domanda cautelare, sul ricorso proposto dalla società Casertana Costruzioni, in proprio e come mandataria del Raggruppamento Temporaneo con Qatar Costruzioni, per l’annullamento del provvedimento di aggiudicazione definitiva dei lavori, relativi al lotto n. 1 del progetto “la bandiera blu” del Litorale Domitio, disposta con decreto dell’8 ottobre 2014, dal Provveditorato Interregionale Opere Pubbliche, Stazione Unica Appaltante, delegata dall’ARCADIS (Agenzia Regionale Campana Difesa Suolo).

La procedura aperta per l’affidamento del Grande Progetto “La Bandiera Blu” del Litorale Domizio, Lotto funzionale n.1, Comuni di Carinola, Cellole, Francolise, Sessa Aurunca – Progettazione esecutiva, coordinamento della sicurezza in fase di progettazione e della realizzazione dei lavori, prevedeva un importo complessivo a base d’appalto di 44 milioni di €. Il bando di gara venne pubblicato nel giugno del 2013, dal Provveditore Ing. Guglielmi, con termine per il ricevimento delle offerte fissato al 3 settembre 2013. L’aggiudicazione definitiva, a seguito delle sedute di gara, fu disposta con decreto, circa 16 mesi dopo, nei confronti di un Consorzio Stabile con sede a Milano. Il Tribunale Amministrativo, nel respingere, nelle ultime ore, con ordinanza cautelare n.57 del 2015, l’istanza delle imprese ricorrenti, ha fissato per la trattazione di merito del ricorso l’udienza pubblica del 25 febbraio 2015.

Il Grande Progetto Bandiera blu del Litorale Domitio, suddiviso in 2 lotti, per un totale di 80 milioni €,  prevede una serie di interventi di adeguamento e riqualificazione ambientale, l’adeguamento dei sistemi di collettamento e di drenaggio urbano e la relativa depurazione dei reflui nei comuni del Litorale Domitio consentendo così un netto miglioramento delle acque marino-costiere.

 

Mario Nardella per Generazione Aurunca