Non siamo intervenuti prima,  in attesa che i lavori fossero completati e fossero (ci auguravamo) migliorati.

Ahinoi, così non è stato.

La nuova rotonda di Sorbello-Avezzano che dalla zona Sant’Agata di Sessa Aurunca svincola per l’Appia è una opera ampiamente discutibile.

A segnalarlo non siamo solo noi di Generazione Aurunca, ma numerosi cittadini che in questi giorni ci stanno evidenziando alcuni seri pericoli per la viabilità e il paradosso ingegneristico del tratto.

Ringraziamo lo stimato concittadino Francesco Marino di Sessa Aurunca per l’ottimo reportage inviato a GA con relativo commento e segnatamente:  “volevo segnalare all’attenta redazione di Generazione Aurunca la pericolosità della “pseudo” rotonda sulla strada Sessa-Avezzano entrata parzialmente a regime da qualche giorno. Come potrete notare dalle foto, le dimensioni estremamente ridotte della carreggiata nel senso rotatorio fanno si che “l’ovale” sia molto pericoloso soprattutto per chi, quando sarà aperta al traffico, percorrerà la variante proveniente da Cascano in direzione Roma e si troverà all’improvviso a dover effettuare una manovra assolutamente poco agevole per immettersi nel senso rotatorio, oltre al fatto che il posizionamento di un palo dell’illuminazione di fronte al “dare precedenza” ci sembra una scelta poco oculata perchè in tale punto potrebbe sopraggiungere ad alta velocità un conducente distratto e…lascio a voi immaginare.

Nel punto della foto cerchiato in rosso la carreggiata è davvero molto stretta e, se è complicato per un’automobile effettuare la manovra di immissione nel senso rotatorio, non oso immaginare per gli autotreni che numerosi percorreranno quella strada. Ci chiediamo come mai i progettisti dell’Anas non abbiano fatto tali considerazioni e soprattutto perchè la rotonda non sia stata fatta più tondeggiante allargando così la carreggiata e agevolando la circolazione.” (cfr  cliccare foto con indicazione in rosso )

10418929_10201863445460057_8665910340544602027_n

 

Il concittadino Marino ha chiaramente ragione. Quel tratto è estremamente disagevole  e pericoloso, oltre che la rotonda presenta dei limiti di visibilità a causa della diversa pendenza delle entrate. In poche parole, un lavoro inadeguato.

Ci viene segnalato, infine, da un noto e stimato meccanico di Sessa Aurunca, che alcuni giorni or sono, un grosso camion si era letteralmente incastrato in quel punto, dovendo ricorrere all’aiuto di vari presenti tra cui la fonte, che grazie ai suggerimenti e  a varie manovre sono riusciti a far transitare.

Generazione Aurunca segnalerà all’Anas tale pericolo e monitorerà la situazione.

GA

10404527_10201863444700038_1685102103874825484_n