Oggi , 9 giugno, alle ore 19.00, gli alunni della scuola secondaria di I grado “Francesco De Sanctis” di Sessa Aurunca proporranno, presso l’auditorium della scuola stessa, il musical “I FILATORI DI SOGNI”. Grazie alla preziosa collaborazione dei docenti,  Maria FuscielloAnnamaria Grimaldo, Raffaello Vellucci, e della coreografa, Camilla Paparcone,  gli studenti porteranno in scena un fenomeno sociale, tragico e drammatico, quello del BULLISMO, in continua crescita non solo in Italia, ma in tutto il mondo, che va decisamente combattuto, sradicato e contrastato, partendo dalle famiglie, in modo particolare dalla scuola. Essa, infatti, è il primo luogo di relazioni sociali per i bambini e, in virtù del suo ruolo educativo, ha la responsabilità di farsi portavoce di alcuni valori che possono aiutare a prevenire il BULLISMO, come promuovere la conoscenza reciproca, favorire l’autostima dei ragazzi, insegnare l’apertura verso la diversità e il rispetto degli altri, educare ad affrontare i conflitti invece di negarli, spiegare l’importanza del rispetto di regole di convivenza condivise.

Anche quest’anno gli alunni della De Sanctis affrontano una tematica non facile, ma, come al solito, metteranno in campo tutte le capacità  di ragazzi, a partire dai più piccoli, della prima media, ai più grandi che hanno anche il peso dell’esame che incombe sulle loro teste. Gli scugnizzi ovvero “i filatori di sogni”animeranno il palcoscenico con le loro voci, recitando, ballando e cantando senza sosta, con un’energia straordinaria. Un’ora  di divertimento in compagnia di giovanissimi attori, che coinvolgeranno il pubblico nella loro storia e con le loro canzoni di ieri e di oggi.

La Dirigente Scolastica dott.ssa Maria Luisa Tommasino, sempre attenta e disponibile a ogni iniziativa di carattere formativo, presenterà il giornalino scolastico realizzato dagli alunni dell’Istituto Comprensivo “San Leone IX”. “A gran voce”, che, giunto alla sua quarta  pubblicazione, racconta anch’esso  il bullismo da vicino, con testimonianze, storie, informazioni per capire cosa è davvero questo fenomeno e la violenza sulle donne.

Generazione Aurunca si complimenta con tutti i docenti e gli alunni coinvolti per il lavoro svolto in questi mesi, facendo loro un grosso “in bocca al lupo”.