Non ha pace il nostro splendido Territorio Aurunco.

Nuova scioccante scoperta stamane da parte della Compagnia dei Carabinieri di Baia Domizia, lungo la campagna che costeggia il Garigliano nell’agro di Sessa Aurunca. Un allarme lanciato nelle scorse ore dall’associazione Ambientalista Big Brother e del rappresentante del Comitato Antinucleare Penitenti e prontamente raccolto dalle Forze dell’ordine, dall’Ufficio Ambiente del Comune di Sessa Aurunca da  Legambiente, dal Comitato Antinucleare e da Generazione Aurunca.

Stamane si è effettuato un sopralluogo su un tratto di campagna che trovasi all’altezza del ponte della ferrovia dell’Appia a pochi metri di distanza dell’inizio della superstrada per Formia e che costeggia il fiume Garigliano. Su quel tratto la terra è stata “movimentata” ed appare tutta innerita, piena di una sostanza chimica ancora da verificare che è stata sepolta o si è confusa con il terriccio e la vegetazione (cfr foto allegato A).

Tale strana colorazione della campagna, dell’argine del fiume e di tutto il tratto ha insospettito le associazioni ambientaliste le quali hanno prontamente avvisato le Forze dell’Ordine e il Comune di Sessa Aurunca.

Questa mattina il sopralluogo dei CC di Baia Domizia e del geom. Carmine Di Resta dell’Ufficio Ambiente seguito poco dopo dal Caposettore dott. Sarao (allegato B),  i quali hanno accertato la sconcertate situazione: una marea di sostanza nera ha invaso tutta la campagna e il tratto limitrofo al fiume.

Pietre nere di una sostanza “ancora da accertare”  sono presenti ovunque come da foto dell’amico Peppe Vitale. (allegato C).

Sul posto sono accorsi, oltre all’associazione Big Brother Ambiente, l’instacabile rappresentante Giulia Casella di Legambiente e il coordinatore del Comitato Antinucleare Massimo Penitenti.

Chiaramente era presente anche Generazione Aurunca con il primo rappresentante accorso Alberto Verrengia, seguito dal generatore Domenico Granata studioso di dinamiche ambientali.

La scena che si è presentato agli occhi è, alquanto, inquietante. Una campagna che ha acquisito un colore nerastro frutto di una mistura tra terra e sostanze chimiche non identificate ma molto probabilmente inquinanti.

Ora sono in corso le indagini che cercheranno prontamente di individuare l’autore di tale misfatto o di capire le cause di questo selvaggio inquinamento del tratto.

Noi seguiremo la situazione sul fronte con le associazioni amiche, per tutelare  e denunciare fortemente questo sistematico assalto alla nostra salute da parte di persone senza scrupoli.

Generazione Aurunca

 

 

1017750_495990923862570_4554240630926198232_n

Allegato A

20140512_125707

Allegato B

20140512_125945

Allegato C

20140512_130057

20140512_125748

20140512_130026