Sta destando ilarità e sorpresa la notizia trapelata in queste ore sia da organi di stampa che da vari osservatori che nell’accordo che ha ripristinato la maggioranza comunale ce ne sia uno ufficioso e segreto davvero eclatante.

Una richiesta giungente dall’area Schiavone sulla gestione di Facebook da parte del Sindaco Silvio Sasso giudicata alquanto bizzarra. Ossia, il primo cittadino da oggi in, poi, per postare commenti inerenti l’ attività politica dovrà essere autorizzato.

Sasso, dunque, non sarà commissariato solamente dal punto di vista politico-amministrativo con la cessione di sovranità ai dissidenti, ma sarà sotto tutela anche nella gestione dei Social.

Da qualche giorno si era verificato uno strano silenzio stampa da parte del Sindaco, che strideva con lo stile tipico dell’uomo politico Silvio Sasso. Ed ecco che si è risolto il rebus: da oggi in poi il primo cittadino non sarà più autonomo della comunicazione per accordo preso.

Unico commento, quello del capogruppo di Generazione Aurunca Alberto Verrengia: “Suggerisco al Sindaco di rifugiarsi su Instagram”.

Schiavone, intanto, smentisce parzialmente.